Ti aggiungo come amico!

Tipo che l’altra sera mi è successa una cosa, una cosa che io subito non ci ho mica fatto caso, ma poi stamattina m’è venuta in mente, e allora non posso esimermi dallo scriverla, che poi altrimenti continuo a pensarci e non smetto di ridere tutta la mattina.

(che poi se dici che è una cosa che ti fa ridere, se la racconti a qualcun altro, di sicuro a lui non farà ridere, ma tant’è)

Beh, c’è sto fatto che l’altra sera, in uno di quei cosi che si chiamano comunemente social network, uno di quei cosi dove dici che cosa stai facendo, o quali sono i tuoi pensieri immediati, lo sapete, quelle cose che a guardarli da fuori ti sembrano delle cagate assurde, ma poi ti ci iscrivi, cominci ad usarli, e poi, giorno dopo giorno, scopri che ti piacciono, ti tengon compagnia, delle volte son persino utili, beh, dicevo, l’altra sera ero stanco, ho chiuso il computer e son andato sul divano a guardare Il principe cerca moglie con Polli (io credo che Il principe cerca moglie sia uno dei film migliori di Bergman e non c’è niente che potrete dire per farmi cambiare idea) e, già che c’ero, ho preso il cellulare e ho scritto su uno di quei social network (sì, quel coso funziona anche dal cellulare) una cosa che suonava come “Ho spento il computer e guardo Il principe cerca moglie con Polli”.
Dopo qualche secondo mi arriva un messaggio da un altro utente che dice una cosa come “Chi è Polli?”, e allora, io, sentendomi come Umberto Eco in una conferenza dove spunta la domanda “Mi scusi, chi è Adso da Melk?”, ovvero colpito nel mio amor proprio che pensava che questo blog lo leggessero proprio tutti, allora io, un po’ acido, rispondo “Vuol dire che non mi leggi, eh”.
Poi dopo trovo un messaggio che dice “Eh, guarda, in questo periodo sono un po’ indietro con la lettura dei feed”.

Io poi francamente non ci ho più pensato, anche perché Sir Laurence Olivier dentro Il principe cerca moglie ci fa un figurone, ma poi stamattina tutto ad un tratto m’è venuto in mente che Polli ricorre nel blog da quando ha aperto, ovvero più di quattro anni, e allora ho pensato che magari nel mondo c’è gente che non solo non legge questo blog (tutti stranieri che ci han provato, a imparare l’italiano solo per leggere questo blog, ma poi si son fermati alla terza dispensa), che già è un pensiero tristissimo, non solo, ma magari non lo ha proprio mai neanche letto, e non solo, e magari ti ha aggiunto come amico in qualche social network, e tu ora fai fatica, a capire perché.

Comunque anche Grace Kelly, dentro Il principe cerca moglie, è meravigliosa.

P.S. e naturalmente, la soluzione dell’enigma, è semplice e imprevista: a mia completa insaputa, esistono persone che partecipano attivamente a questi social network evoluti, persone che non hanno minimamente a che fare con il mondo dei blog. Questo conferma che i blog sono sempre più solo uno dei modi in cui si esplicita l’user generated content, ed è possibile che diventeranno sempre meno centrali. Un ringraziamento (e le mie scuse) alla persona che mi ha permesso di scoprire tutto questo.

57 pensieri su “Ti aggiungo come amico!

  1. Credo anch’io che con Il principe cerca moglie, Bergman, ha raggiunto il massimo del suo livello. Poi è andato a raccogliere fragole in un posto che sapeva lui e lì, vicino alla fonte, cià trovato una vergine che faceva al caso suo. Poi vissero felici e contenti con le solite scene di matrimonio.
    Che spasso!

    KUDOKU

  2. Devo dire che a viverlo in diretta, quello scambio, è stato un po’ esilarante un po’ triste.
    Mica tutti sono obbligati a leggerti, però nemmeno a far finta di leggerti solo perchè comunque, di nome, tutti sanno chi è eio.. (è quello della polli, no?) .
    Comunque sì, magari era straniera.. dal nome..

  3. Il principe cerca moglie è uno dei migliori film mai fatti, insieme a Una poltrona per due e Lui è peggio di me con Celentano e Pozzeto.

    E, purtroppo per me, sono serissima.

  4. @MonicaGellerB, abbiamo gli stessi gusti, ma Una Poltrona per Due è il top.
    @eio, ho visto dei giapponesi in giro per Torino che si chiedevano dove fosse Cuneo, volevano cercare casa tua…

  5. Io sapevo a memoria tutte le battute del film.
    E dico tutte.
    Purtroppo però stavolta era criptato.
    Spezzerei una lancia anche per “Il bambino d’oro”.

  6. Sì, ma social network fa enormemente più phigo

    (P.S. Sono stato quasi un mese senza Internet – e quindi senza social networks… mi sembrava di impazzire. Preoccupante?)

  7. Miiii, il principe cerca moglie è bellissimo. Troppo divertente. Tipo c’avete presente la scena quando Eddie Murphy abbatte quello con la scopa. Oppure la scena di quel tipo coi capelli laccati che lascia l’alone e poi tutti guardano quell’alone, però lei ama Eddie, cioè, troppo divertente, no?

  8. io preferisco ancora Una Poltrona per due, l’opera postuma di Luchino Visconti.
    Comunque mi meraviglio che Umberto Eco conosca Adso da Melk, ma che ci vuoi fare, si sa che internet fa strani compagni di viaggio (io con Adso ci ho pure cenato, pensa un po’. Solo che non c’era Umberto, che quella sera aveva un impegno).

    Il tuo blog è come il tubetto del dentifricio, l’hanno letto tutti prima o poi.

  9. io mi chiederei..”davvero non ho mai parlato di polli in ql social network??” Purtroppo non leggo il tuo blog (unica sulla terra!)..ma questo non mi fa sentire nè triste nè fuori dal mondo… forse alcune volte ci si prende troppo sul serio.. e cmq se questo era un modo x farmi,non solo leggere il tuo blog.,ma addirittura lasciare un commento…bene..i miei
    complimenti..ci sei riuscito :D

  10. …non ci ho capito niente…

    ma il principe cerca moglie…? non è un film con Eddy Murphy?

    che lavora in un fast food anche se è un principe ma in incognito
    e si sposa con la figlia del proprietario che così gli dice si solo per la persona bella che è e non per il sangue blu che ha in corpo e i soldi che ha in tasca?

    boh…

    s c a r a v e n t o

  11. Complimenti per il post: il peggiore ke abbia mai letto, sia x il pessimo italiano che per i contenuti trattati…
    Meno male che non siamo tutti uguali, tutti azzeccati davanti ad una stupida scatola mangiacorrente come tanti imbecilli, che non hanno altro da fare/pensare durante la giornata. Un consiglio: impegna meglio il tuo tempo, magari leggendo un buon libro, chissà…forse imparerai a scrivere meglio!

    ps: grazie x aver scritto questa robetta da quattro soldi (e ti ho trattato bene), x avermi permesso di scoprire ke esistono persone così inette, idiote, ke si permettono di giudicare gli altri (e uno speciale ringraziamento anke a ki ha lasciato i vari commenti… stirpe maledetta) quando dovrebbero iniziare a guardarsi nello specchio x primi…

    pss: ehi, cala la cresta, galletto… MA CHI TI CONOSCE

  12. Ufff… ‘sti anonimi he commentano a rava senza capire l’ironia sono noiosissimi…
    A proposito, mi aggiungi come amico??

  13. io dico che a twitter l’hanno vista lunga su questa cosa degli amici da aggiungere che prima esistevano e ora non piu’. Dentro i social network gli amici non li vuole piu’ nessuno perche’ se sei poco social (cioe’ ti piacciono solo poche persone ed hai solo qualche amico e gli altri chi li conosce) il giochetto non funzia. Cosi’ magari i social network fatti cosi’ moriranno. Ognuno per conto proprio. Senza uno straccio d’amico che li consoli.

  14. Secondo me avrebbero dovuto vederla molto prima, perché a me già da subito faceva molto strano, chiamare “amico” qualcuno che non avevo mai visto né conosciuto. mah.

    Poi si arriva all’estremo di Last.fm (forse il mio servizio preferito degli ultimi tempi), in cui gli “Amici” esistono senza avere alcuna utilità, visto che la musica che ascoltano i miei “Amici” non vorrei ascoltarla neanche con dei tappi spessi un metro. ri-mah.

    adesso però devo andare a finire un libro perché Anobii mi dice che mi mancano 48 pagine a superare la soglia delle 4000 pagine lette in un anno :)

  15. ma chi ti conosce bisogna dirlo a quella gentile lettrice che si firma anonima. non accettare giudizi da chi non ha coraggio di firmare.

  16. Mmmm… tu sei tra i mei “amici” su Twitter… ma il tuo blog non l’avevo ancora mai visitato… oggi ci sono capitata tramite MyBlogLol e devo dire che ho letto qualche tuo post con entusiasmo.
    Twitter mi piace perchè finalmente sono uscita dalla mia lettura esclusivamente splinderiana per poi scoprire che ci sono altrettanti blog piacevoli su altre piattaforme.
    Tornerò a leggere per scoprire chi è Polli. :-)

  17. son avanti per l’autunno/inverno 2007, non lo sai che per le femminucce va il tricot, e per i maschietti e la mohicana?

    Pia: quanto mi dici mi stupisce assai. ma è bello lo stesso :)

  18. ma come vi permettete a dire ” questi anonimi “, quando i vostri nomi sono ATREIUS, LORD ZABALIN, TEO, siete voi i veri anonimo SCIOCCHI

Rispondi